Tempo di lettura: 2 minuti

La pista ciclabile del Parco dell’Oglio Nord si è aggiudicata, nel contesto del Cosmo Bike Show di Verona. il titolo di migliore pista ciclabile ecologica d’Italia. Un riconoscimento importante, assolutamente unico nel contesto del nostro territorio, conferito all’Ente lo scorso 16 febbraio. Una formula innovativa e che ha saputo resistere alle difficoltà, come è stata descritta dai vincitori. Il premio infatti riconosce la fiducia in cui progetto molto ambizioso, dove tutti gli enti che hanno collaborato si sono distinti per unità e complicità d’intenti.La pista ciclabile lungo il fiume Oglio infatti, ha messo in fila tutte le altre, distinguendosi per essere un percorso di quasi 300 km che porta dai 1883 metri sul livello del mare del Passo del Tonale ai 21 del Ponte delle Barche a San Matteo alle Chiaviche e attraversa tutti i paesaggi che si incontrano in Lombardia. Quasi un terzo di quei 300 km attraversa il Parco Oglio Nord che negli anni si è distinto per promuovere il territorio bagnato dal fiume nella sua complessità e ricchezza turistica che comprende numerosi aspetti: la natura, la storia, la gastronomia. “Si tratta di un lavoro di squadra siglato nel febbraio 2013 con la firma di un protocollo che anche gli altri enti interessati dalla Ciclovia del fiume Oglio hanno sottoscritto” ricorda Luigi Ferrari, il presidente del Parco Oglio Nord.

La Ciclovia dell’Oglio è inoltre la premessa a un percorso ciclabile internazionale che dal lago di Costanza giunge, lungo percorsi fluviali (come il Reno, l’Adige e l’Oglio) al fiume Po e verso il Mediterraneo. “Dare un respiro europeo alla nostra ciclovia è senz’altro uno degli obiettivi che dobbiamo raggiungere nel prossimo futuro, per attrarre turismo e interesse da parte dei numerosi potenziali turisti del centro e del nord Europa” spiega il presidente.

Nella speciale classifica del Como Bike Show, seconda è risultata la pista ciclabile altoatesina Via Claudia Augusta che dal Passo Resia giunge a Salorno; terza la Ciclovia delle Sorgenti nell’Alto Casertano, in Campania.