Tempo di lettura: 2 minuti

Sabato 8 Giugno 2019 si terrà presso il Santuario della Madonna della Pieve di Orzivecchi (sito dell’Antica Pieve di Bigolio) una importantissima “Conferenza Archeologica”. 

La conferenza inizierà alle ore 9:30 e vedrà la presenza di importanti relatori che tratteranno del territorio della Pieve e della bassa bresciana alla luce delle nuove scoperte effettuate durante lo scavo archeologico del 2018. 

Saranno presenti Sandro Guerini, progettista e direttore dei lavori, che tratterà il tema: “La Pieve di Bigolio, storia e architettura” Serena Solano e Andrea Breda della Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per le Province di Bergamo e Brescia, che tratteranno rispettivamente “il territorio di Orzivecchi tra protostoria ed età romana” e “Chiese e territorio nella pianura Bresciana tra Tarda Antichità e Medioevo”, Andrea Crosato e Alex Verdi archeologi che parleranno dello scavo archeologico. 

Sarà inoltre presente il prof. Gian Luca Gregori del-l’Università degli studi di Roma “La Sapienza” tra i massimi esperti mondiali di epigrafia latina che tratterà il tema “l’iscrizione a Bolgolivs”. 

Al termine dei lavori sarà offerto un rinfresco a tutti i presenti.

Finalmente il nostro territorio sarà protagonista di un evento di grande rilevanza.

Segnatevi la data, perché durante la conferenza  potrebbero essere confutare alcune teorie sulle origini degli insediamenti lungo il fiume Oglio.

Le ricerca archeologica è tra i pochi strumenti che permette di dare certezza alla storia perché ciò che si trova in uno scavo archeologico, se autentico, è un reperto originale e inconfutabile.

Nel nostro scavo alla pieve è stato rinvenuto un documento “cippo” che ha le caratteristiche sopra descritte, sarà compito degli esperti presenti alla conferenza tradurre il ritrovamento in una “storia nuova”

Mi preme ringraziare tutte le persone che hanno permesso la realizzazione dello scavo e coloro che a vario titolo ci hanno aiutato a far luce sul nostro passato donandoci reperti archeologici importanti (monete, capitelli, cippi, colonne).

Desidero fare un ulteriore appello a tutte le persone che posseggono a vario titolo, reperti archeologici ritrovati presso la pieve di Orzivecchi o nei campi limitrofi affinché ci restituiscano tali oggetti o ce ne forniscano anche solo le immagini. 

Ogni pezzo servirà a ricostruire la storia del nostro territorio.

Giuseppe Busetti

Pres. Ass. Amici della

Disciplina di Orzivecchi