Tempo di lettura: 2 minuti

La Millenium, tassello dopo tassello, sta costruendo una struttura sempre più completa e professionale per poter portare avanti l’ambizioso progetto di fare volley di alto livello. Un organigramma via via più competente e strutturato per riuscire a reggere una sfida veramente impegnativa come quella di ritagliarsi un posto in pianta stabile nell’Olimpo della pallavolo. In questo senso, dopo il recente inserimento di Antonio Patti, la “squadra diri-genziale” bianconera si è arricchita con l’inserimento di Giulia Biava, giocatrice della Millenium di lungo corso, che d’ora in poi dovrà offrire il suo contributo alla causa della società guidata dal presidente Roberto Catania non più sul campo, ma dietro una scrivania, impegnata a realizzare i compiti di collaborazione e di raccordo che le verranno affidati per rendere sempre più preparato il sodalizio bresciano. In questo senso, dando un’occhiata a quella che potremmo definire “l’anima” della Millenium, notiamo che la famiglia Catania rimane il grande fulcro e l’elemento trascinatore di tutto il progetto. Non a caso il padre Roberto è il presidente, mentre i figli Emanuele e Lucrezia si sono assunti l’onere di dirigere rispettivamente la prima squadra e il settore giovanile. Il primo, oltre ad essere direttore generale della formazione maggiore, svolge anche il ruolo di team manager e sta seguendo in prima persona la crescita esponenziale di una squadra che ha saputo partire dall’anonimato delle categorie minori sino a portare al “PalaGeorge” di Montichiari la A1.

La seconda è alla guida di un vivaio sempre più importante e strutturato. Una realtà in crescita sotto tutti i punti di vista (dai numeri alla qualità) che si avvale di figure di indubbio rilievo come il coordinatore Matteo D’Auria, ma che in ogni categoria si affida a tecnici di assoluta competenza, che aiutano a crescere nel migliore dei modi le giovani tesserate bianconere. In una pallavolo sempre più specializzata e professionale, però, la Millenium non si fa certo trovare impreparata e il sodalizio del presidente Catania ha scelto di dotarsi anche di figure specifiche che confermano nel migliore dei modi la sua grande voglia di fare (e di fare bene). 

Collaboratori importanti, che si occupano degli incarichi più specifici (si va dallo scoutman Alessandro Bianciardi sino agli addetti al video check Giovanni Barbieri e Alberto Ferrari, solo per citare alcuni esempi), ma il cui apporto contribuisce, con un dosato mix di entusiasmo e di passione, ha comporre un unico gioco di squadra e a perseguire il solo obiettivo comune di portare sempre più in alto la Millenium in un panorama della pallavolo sempre più competitivo e professionale.  

Luca Marinoni