Tempo di lettura: 1 minuto

Le vie del nostro fiume hanno potuto tirare una boccata d’ossigeno dopo la bella ripulita dei tanti volontari che si sono radunati presso l’Oasi dei Pensionati lo scorso 17 agosto. 

L’iniziativa, frutto del-l’impegno e della dedizione del Circolo Legambiente Valle dell’Oglio e del-l’Associazione Controllo di Vicinato, ha raccolto un ampissimo seguito di giovani e meno giovani intenti, guanti e sacchi alla mano, a raccogliere la sporcizia abbandonata lungo le vie adiacenti il fiume Oglio.  

I punti con più sporcizia, come raccontatoci da alcuni volontari presenti, sono quelli dell’Oasi e delle zone adiacenti al ponte che collega i comuni di Orzinuovi e Soncino. 

Ben dodici i sacchi di pattume che sono stati raccolti partendo dagli Arrighini lungo la riva del corso d’acqua, per un totale di diverse decine di chili di sporcizia. 

Una scoperta non confortante, senza dubbio, ma che, bene o male, ha notato un assestamento dopo mesi di costanti segnalazioni di continui abbandoni di rifiuti lungo il fiume e le rive delle varie rogge. 

Presenti anche le autorità, con diversi assessori e consiglieri comunali, al fine di prendere parte a questa stimolante iniziativa. 

Un popolo che non ama e non si prende cura della sua terra non è degno di viverla: una lezione che abbiamo l’obbligo morale di imparare. 

Leonardo Binda