Tempo di lettura: 2 minuti

Tempo d’estate, di sagre e serate all’aperto… E, naturalmente, nei programmi non possono mancare i concerti di Dellino Farmer, il rapper dialettale e nostrano. Il 1 giugno 2019, ha animato l’oratorio di Coniolo. Il 16 giugno, sarà al Respect Festival di Verolavecchia. Il 29 dello stesso mese, è invece atteso alla Notte Bianca di Isorella. Dellino porterà così il suo “Rural Rap” sul palco di Piazza Castello. Un evento atteso, dopo l’uscita del suo album “The Bestia” (2018), in cui Farmer ha dato il meglio (“the best”) a livelli…. BESTiali. Giochi di parole a parte, il suo pubblico potrà gustare qualche novità.  Freschissimo è il brano “Piero, il mago dello spiedo”: quale sagra bresciana non ha il volontario di turno che si affaccenda tra fumi e fuochi?  Specialità complessa da preparare quanto popolare nelle feste all’aperto, più che abilità richiede veri e propri “magheggi”. Per fortuna, c’è sempre il “Piero” di turno dalle mani d’oro…

Anche “Scie chimiche” è un pezzo recente. Parla di strisce bianche, vaporose… ma non di quelle lasciate dagli aerei. Per trovarle, bisogna guardare assai più in basso: sui tavoli, sui quali si chinano teste intente a sniffare…

Un esempio in positivo sarà invece quello del “super-nonno” che salta “I fòs per al lónch”, sconfiggendo il logorio della vita moderna. Come mostra il videoclip della canzone su YouTube, a questo rustico supereroe spetta il compito di prendere per un orecchio ominicchi e quaquaraquà immeritatamente ricchissimi… e mandarli a spaccar legna.

Oltre alle novità dell’ultimo album, naturalmente, non mancheranno brani storici: “Si spoglia si riveste”, “Gli strani effetti del clima”, “Come i panda”, “Trènta piò”, “Fés”, “Oflàga”, “La Ö la Ü” e altre ben familiari ai fan di Dellino. Lo sentiremo a Manerbio? Forse. Per il momento, abbiamo la garanzia di vederlo in sella ai suoi musicali cavalli di battaglia, sempre nostrano ed effervescente. Insomma, pronto a dare… “the best”.

Erica Gazzoldi