Tempo di lettura: 1 minuto

Lo scorso 22 gennaio nell’auditorio dell’Istituto superiore Vincenzo Dandolo di Bargnano è andato in scena un importante confronto culturale focalizzato sulla filiera del mais. All’evento hanno partecipato noti esponenti nazionali del pianeta mais e delle produzioni agricole collegate. In sala c’erano gli studenti del corso agrario quinquennale con i rispettivi docenti delle materie di indirizzo. Il dirigente scolastico Giacomo Bersini ha fatto gli onori di casa introducendo il tema del dibattito. Cesare Soldi, in qualità di Presidente dell’Associazione Maiscoltori Italiani ed imprenditore agricolo, ha parlato dell’andamento generale del mercato mondiale del mais ed, in particolare, si è focalizzato sul panorama europeo e nazionale, con una breve descrizione del Piano maidicolo nazionale oltre ad una introduzione circa i contratti di filiera. Aldo Paloschi ha invece analizzato i Contratti di produzione in ambito agrario dal punto di vista legale.Elisabetta Quaini, responsabile della “European Dairy Farmer”, vice Presidente della Latteria Soresina Società Cooperativa e imprenditrice agricola ha evidenziato l’importanza della filiera del Mais nelle produzioni D.O.P. ed il loro legame con il territorio. Roberto Kron Morelli, in qualità di titolare della AGRIFUTUR, si è soffermato sul ruolo, come indicatore della salute, della pianta e del prodotto finito. L’incontro è stato coordinato dal giornalista Guido Lombardi.

nella foto i relatori e gli studenti presenti al summit sulla filiera del mais.