Tempo di lettura: 2 minuti

“Il malato immaginario” di Molière è il titolo della commedia che la compagnia teatrale “Fuori di quinta” ha riportato in scena giovedì 13 giugno al teatro “Aldo Moro” di Orzinuovi, dopo il grande successo e il tutto esaurito delle prime tre serate. 

Con la regia e la scenografia dell’attore professionista Klaudio Hila, sul palcoscenico anche una bambina orceana di 8 anni, Valeria Battaglia, che ha sorpreso il pubblico per la sua interpretazione di Luigina, figlia di Argante, a cui ha saputo donare carattere e innocente personalità, raccogliendo gli applausi del pubblico in sala. 

Argante, interpretato da Caudio Hila, è un personaggio ostile a una parte di pubblico e amato per altri versi. 

Molière lo costruisce con precisione maniacale, lo rende maleducato nei modi, infantile e, quando meno ci si aspetta, gli fa pronunciare con grande lucidità frasi sagge e argute.

E’ di fatto la rappresentazione di tutta l’ umanità, con le sfaccettature più “normali”, è quella che oggi chiameremmo “la pancia del popolo”, la pancia che letteralmente continua a farlo andare alla toeletta. Insieme a lui c’è la sua famiglia, composta dalla perpetua Tonina (Roberta Venturini), dalla moglie (Simona Russo) e dalle figlie Angelica e Luigina (Jessica Ranghetti e Valeria Battaglia).  

Angelica si ritrova nella più classica delle situazioni di un tempo: la promessa di matrimonio pilotata per interessi personali dal padre, che non bada minimamente al vero amore della figlia verso un certo Cleante (Mattia Manini), ma la promette al dottor Tommaso Diafoirus (Nello Polidoro), litigando con la sua seconda moglie e decidendo così di spedirla in convento per non creare più disagi. 

Il tutto viene interrotto di continuo dagli intermezzi del dottor Purgone (Francesco Morstabilini) che viene “licenziato” da Argante su pressione del fratello Beraldo (Giuseppe Moro). Lo spettacolo è ricco di colpi di scena, magistralmente giostrati dalla serva Tonina che di fatto è il motore di tutta l’opera e che riserva a questo spettacolo un’interpretazione davvero magistrale.

“Ringrazio di cuore il meraviglioso staff degli attori di questa commedia – riferisce il regista Klaudio Hila – Roberta Venturini, Simona Russo, Jessica Ranghetti, Valeria Battaglia, Mattia Manini, Nello Polidoro, Francesco Morstabilini e Giuseppe Moro. 

Una particolare gratitudine anche a Guendalina Biacca per le acconciature a ad Annamaria Salvoni per i costumi”.

sp