Tempo di lettura: 2 minuti

Anni e anni di allenamento, passione e dedizione, hanno premiato, nelle scorse settimane, Adriana Fusini

Originaria di Barco, a soli trent’anni, questa atleta ha saputo dimostrare una grande versatilità, essendo in grado di ottenere ben due riconoscimenti di grande rilevanza in due discipline differenti.

“Da circa tre anni ho iniziato a frequentare e gareggiare nell’ambito della kick-boxing, per poi dedicari, dall’inizio di quest’anno sportivo, all’MMA” ha esordito la campionessa. 

Lo scorso 19 maggio, forte di un grande spirito combattivo, Adriana è riuscita ad aggiudicarsi il titolo di campionessa italiana professional rules della categoria 52 kg. L’evento, di rilevanza nazionale, è stato il primo grande successo della stagione. 

Ma non è finita qui: non bastava un titolo di rilevanza nazionale, la Fusini ha tentato di conquistare ancora di più. Membro della nazionale italiana di shoot-boxe della federazione Fikbms, ente riconosciuto dal Coni, Fusini ha partecipato durante il primo weekend di giungo ad una gara di fondamentale importanza ad Odessa, in Ucraina, con in palio il la coppa del Mondo WMMAF di MMA, uno sport da combattimento a contatto pieno in cui è permesso fare uso di tecniche tipicamente utilizzate in specifiche arti marziali. 

Una sfida certamente di particolare intensità, combattuta fino all’ultimo contro un’atleta di origini turche, riuscendo a prevalere in due round da tre minuti ciascuno. Sforzi certamente ripagati, visto che questa vittoria è valsa all’orceana un riconoscimento di grande importanza, incoronandola campionessa. 

“Un ringraziamento particolare va ai miei coach, Gianluigi Tedoldi della MMA Pro Team di Lonato, Davide Tremendi della Gameness Fight Team di Travagliato e Massimo Ferretti della Max Fight di Soncino, che nel corso di questi anni mi hanno seguito e continuano a a seguirmi in ogni mia avventura” – ha continuato la Fusari – “ora sono in fase di preparazione per il prossimo evento, che si terrà in Sardegna, dove disputerò altri match di MMA”. 

Non ci resta dunque che augurare a questa grande campionessa tutto il meglio per la sua carriera e ringraziarla per aver tenuto alto il nome di Orzinuovi nel Mondo!

Leonardo Binda