Tempo di lettura: 2 minuti

La Millenium si appresta a portarsi ai nastri di partenza del suo secondo anno nella A1 femminile puntando su un organico profondamente rinnovato.

Il tecnico Enrico Mazzola, alla quinta stagione sulla panchina bianconera, potrà lavorare con due sole giocatrici rimaste dalla scorsa stagione e ben undici nuove arrivate.

Un gruppo ringiovanito e dalle notevoli potenzialità, che dovrà lavorare per esprimere sul campo tutte le sue qualità e per raggiungere nel minor tempo possibile il giusto amalgama.

La preparazione è iniziata lo scorso 19 agosto e nella prima fase, in attesa del rientro dagli impegni con le rispettive nazionali della statunitense Veronica Jones Perry e delle spagnole Jessica Rivero e Maria Segura, sono state aggregate alla prima squadra anche due promesse del settore giovanile come Chiara Sala e Anna Susio, oltre a Maria Chiara Norgini (in attesa di collocazione). Sin dai primi giorni della preparazione coach Mazzola ha indicato in modo estremamente chiaro gli obiettivi della sua squadra, sottolineando la necessitò di arrivare alla prima giornata già ben rodati: “Il nostro obiettivo rimane in primis la salvezza e a tal proposito dovremo sostenere subito uno scontro diretto alla prima partita con Caserta. Per noi sarà già un incontro importante, dovremo sbloccarci subito e muovere la classifica. Senza dubbio il fatto di giocare al “Palageorge” davanti al nostro pubblico ci aiuterà”. Le prime giornate offriranno poi indicazioni preziose per conoscere meglio i valori in campo: “Dopo l’esordio in casa – prosegue Enrico Mazzola – affronteremo nell’ordine Novara (campione d’Europa e vicecampione d’Italia – ndr), Busto Arsizio e Cuneo, con quest’ultima che ritengo ha le carte in regola per inserirsi tra le possibili rivelazioni. Certo, in questo momento è tutto molto relativo ed è difficile dare giudizi, anche perché bisognerà valutare alcune giocatrici che non sono mai state nel nostro Campionato”

Solo dopo aver visto all’opera tutte le protagoniste, dunque, sarà possibile indicare con maggiore precisione i veri obiettivi delle diverse contendenti anche se, per quel che riguarda la compagine del presidente Roberto Catania, reduce dal decimo posto conquistato al termine della prima, storica stagione in A1, l’obiettivo di fondo dev’essere considerato quello di raggiungere la salvezza nel miglior modo possibile, cercando, se possibile, di raccogliere ancora qualche soddisfazione in più rispetto al pur positivo torneo appena posto in archivio.

In questo senso un primo passo molto importante potrebbe essere quello di terminare l’andata tra le prime otto, conquistando così il lasciapassare per le finali di Coppa Italia. Se poi, mantenendo sempre ben distanti gli ultimi due, sgraditi posti che condannano alla retrocessione in A2, la Millenium riuscirà a terminare la regular season ponendo in bella evidenza i suoi giovani talenti e occupando una posizione utile per entrare nella griglia dei play off, allora si potrebbe ribadire a buon diritto che il cammino di continua crescita evidenziato di anni in anno in queste ultime stagioni dal sodalizio bianconero avrebbe compiuto un’altra tappa di grande rilievo.       

Luca Marinoni