Tempo di lettura: 3 minuti

Le elezioni Amministrative di Montichiari di domenica 26 maggio 2019 vedono la candidatura a Sindaco di Patrizia Mulè con Sinistra Monteclarense. 

Con lei una lista di tredici cittadini, tutti con esperienze e competenze diversificate per approcciare le tematiche del programma amministrativo. 

Patrizia Mulè, unico candidato donna di queste Amministrative, ha 44 anni e lavora da diciannove come collaboratore amministrativo presso il Servizio Economico-Finan-ziario dell’ASST di Desenzano del Garda. Sposata, con due figlie, vive a Montichiari dal 2011. Agli inizi del 2013 con un gruppo di genitori fonda l’Associazione Genitori di Montichiari, promuovendo iniziative a sostegno dei bambini in età scolare e delle loro famiglie.

A ottobre 2014 il Sindaco Mario Fraccaro la nomina Vicepresidente del Consiglio di Amministrazione della Società partecipata Montichiari Multiservizi. Durante il suo mandato vengono adottate misure volte al miglioramento assistenziale della Casa di Riposo e all’efficienza amministrativa e gestionale della Società partecipata. 

La leadership di Patrizia Mulè viene riconosciuta da Mario Fraccaro che la chiama all’Assessorato all’Urbanistica, Lavori Pubblici e Attività Produttive nell’ottobre 2015. Mulè accetta l’incarico e si distingue in Giunta per sobrietà e concretezza. Durante il suo Assessorato viene approvato il Piano Triennale delle Opere e svolto lo studio ricognitivo/conoscitivo per il nuovo Piano di Governo del Territorio (PGT).

Tra marzo e aprile 2016 il PGT viene presentato ai cittadini, alle imprese e alle molteplici categorie produttive, commerciali e associative.

Ampio il consenso e partecipati gli incontri, con indicazioni e osservazioni utili per completare il quadro conoscitivo. Patrizia Mulè registra tuttavia il disimpegno della Giunta e una improvvisa caparbia pressione della maggioranza per interventi e opere costose e inefficienti, a suo avviso sia per sede sia per pubblica utilità.

Dopo una ulteriore ingerenza di un componente della Giunta nel suo Assessorato e la leggerezza del Sindaco sulla vicenda, ad aprile 2016 Patrizia Mulè rassegna le dimissioni e chiude ogni rapporto con Mario Fraccaro e la sua coalizione politica.

Il PGT non verrà né adottato né approvato.

Oggi Patrizia Mulè è candidato Sindaco con Sinistra Monteclarense, lista che riassume nei suoi componenti e nel suo programma i valori e gli ideali della sinistra italiana progressista.

Nella storia di Sinistra Monteclarense spicca la figura di Gianni Caliari che, prima di lasciarci nel 2016, ha rappresentato per anni, con garbo, intelligenza e sensibilità, un riferimento sul tema dei diritti a Montichiari. 

E’ in continuità con questa storia e in discontinuità con i comportamenti dell’amministrazione uscente, che Patrizia Mulè e Sinistra Monteclarense hanno predisposto il programma elettorale.

Quattro i temi che racchiudono la proposta amministrativa: ambiente, lavoro, comunità e salute. Per ciascuno di essi sono evidenziate le misure cruciali per Montichiari, in un quadro amministrativo aggregante con enti e istituzioni: dalla bonifica delle discariche chiuse alla piantumazione e alla restituzione boschiva delle cave; dal monitoraggio degli inquinanti atmosferici all’isolamento acustico in Fascia d’Oro e Vighizzolo. 

L’adozione del PGT per sviluppare una Montichiari verde, pedonale e ciclabile, con il recupero di suolo urbanizzato non edificato, il collegamento ciclopedonale con Novagli e il recupero urbano dell’ex macello di Borgosotto.

Innovazione nel lavoro mediante l’istituzione di una rete con Università, formazione professionale e imprese, ma anche il sostegno ai negozi di prossimità e agli esercizi commerciali del centro storico. 

Previsto lo sviluppo culturale e turistico di Montichiari, primo fra tutti, ma non solo, la ristrutturazione e l’ampliamento della sede del Gruppo Archeologico Monteclarense.

Interventi di manutenzione e di efficienza energetica nelle scuole e negli edifici pubblici, iniziative a sostegno dei giovani tra cui l’istituzione di un Centro di Aggregazione Giovanile. Innovazione e sobrietà anche in ambito amministrativo: prevista l’istituzione di un Ufficio Europa per il reperimento dei finanziamenti europei. Attenzione particolare ai servizi sociali e assistenziali, con la presa in carico delle persone fragili socialmente o affette da cronicità, promuovendo servizi di continuità assistenziale tra ospedale e famiglia.

Patrizia Mulè e Sinistra Monteclarense propongono un programma amministrativo basato sulla sobrietà e sulla concretezza per superare definitivamente la stagione delle autoreferenzialità e delle visioni capricciose degli amministratori di turno. Se i cittadini vogliono una Montichiari solidale, verde e sostenibile, con Patrizia Mulè e Sinistra Monteclarense si può voltare pagina.