Tempo di lettura: 2 minuti

Una scelta di grande emozione quella di dedicare un progetto di cura infantile in onore del bimbo morto tre anni fa a causa di una caduta in piscinaanni fa a causa di una caduta in piscina

Un progetto degno di lode quello del Rotary Club di Manerbio.

In occasione dei festeggiamenti per i venti anni dalla fondazione del club, tenutisi presso il parco Nocivelli di Verolanuova lo scorso 29 giugno, i membri dell’istituzione manerbiese hanno voluto dare il via ad un nuovo ed entusiasmante progetto. 

Una Onlus, chiamata “Il Volo di Pietro”, che nasce da una collaborazione tra il club e i genitori di questo giovanissimo bimbo, che, a soli due anni, ha visto il suo cuore spegnersi a causa di una brutta caduta in piscina. 

Negli intenti dei promotori questo progetto ha la finalità di collaborare a stretto contatto con l’Ospedale di Manerbio, specie del reparto di Pediatria, al fine di garantire fondi per l’acquisto di strumentazioni all’avanguardia che possano giovare sempre più a questa fondamentale risorsa territoriale per l’assistenza ai piccoli malati. 

Ma la generosità della ONLUS non si ferma qui. Anzi, “Il Volo di Pietro” si è più volte impegnato nel supporto alla popolazione keniote, dove ha promosso diversi progetti, iniziative e la costruzione di diversi edifici. Come non ricordare l’impegno, ormai pluriennale, nel costruire una casa che possa accogliere bambini di diversi villaggi, piuttosto che un dormitorio adiacente all’attuale scuola e ancora borse di studio per i giovani siriani coinvolti nel difficile conflitto che insanguina ormai da anni le proprie terre. 

Un impegno che senza dubbio raccoglie il plauso e l’ammirazione di tutti, a partire dal coraggio e dalla volontà di genitori così forti da voler ricordare il proprio angelo porgendo una mano di solidarietà ed amore verso realtà disagiate e dove povertà e miseria sono all’or-dine del giorno.

L.L.