Tempo di lettura: 2 minuti

Alla segreteria del Concorso Giuseppe Cerri-Carla Mazzola, giunto alla 34esima edizione e riservato a studenti bresciani delle Scuole Superiori di primo e secondo grado e del-l’Università, sono giunti quest’anno più di quattrocento elaborati, tutti a tema musicale. Solo 148 sono stati giudicati meritevoli di un premio e l’Istituto Comprensivo di Orzinuovi anche quest’anno, come lo scorso, ha potuto vantare ben tre vincitori: la sottoscritta Paola Sveva Gnocchi (3^ B), Lucrezia Goffi (3^ D) e Viola Tiraboschi (2^ B).

“Siamo state convocate all’Auditorium San Barnaba, sabato 6 Aprile alle ore 16 e lì, in un clima di grande emozione, siamo salite sul palco a ritirare i nostri attestati e svariati premi, tra cui libri, CD e persino un biglietto per assistere ad un concerto pianistico dal palco del Teatro Grande”.

La cerimonia è stata preceduta dall’esibizione del “Quartetto in viaggio”: a suonare sono stati i coniugi chitarristi Alessandro Bono e Romina Brentan, accompagnati dal violino e dal violoncello dei figli, Amos e Nausica. “Ascoltarli è stato come entrare in un’idilliaca atmosfera, essere catapultati in un mondo lontano dal caos rumoroso e frettoloso della quotidianità e vicino a quel Paradiso di armonia e bellezza, cui solo la musica sa condurre. E’ stato un pomeriggio indimenticabile, perché ci siamo rese conto di venire premiate per una nostra passione, per quella musica che noi ascoltiamo, la stessa che ci accompagna nelle nostre giornate e ci aiuta ad esprimere le nostre emozioni, persino quelle più segrete. 

E’ stata la musica a farci un grande regalo: quel giorno ci ha elette vincitrici tra tanti alunni di tante scuole di tanti Ordini dell’intero territorio bresciano e noi sappiamo bene quanto sia vasto!

Un grazie doveroso lo rivolgiamo ai professori Locatelli, Versace, Miglietta e Villaschi, che ci hanno spronato a partecipare al concorso, supportandoci nella stesura dei nostri temi.

Evviva la musica che incanta, evviva l’Istituto Comprensivo di Orzinuovi, con i suoi insegnanti ed i suoi alunni!”.

Paola Sveva Gnocchi 3^ B