Tempo di lettura: 3 minuti

Ancora non si è spenta l’onda lunga dei festeggiamenti e negli occhi dei tifosi sono ancora presenti le immagini della splendida e vincente cavalcata della scorsa stagione che la campanella del nuovo anno ha già trillato chiamando a raccolta giocatori, addetti ai lavori e tifosi per la stagione 2019-20.

Rinnovato l’abbinamento triennale con il fedelissimo sponsor Agribertocchi, la società orceana ha avviato la rivoluzione estiva.

Grande il rammarico dei tifosi che hanno visto molti dei protagonisti della recente promozione far le valigie, ragazzi incredibili a cui ci si era affezionati e che avevano ricambiato l’affetto di un paese che li aveva fatti sentire a casa e che li aveva sostenuti anche nei momenti difficili spingendoli fino all’impresa finale. Bianchi, Turel, Pipitone, Timperi, Tassinari, Labovic e Mastroianni sono e resteranno sempre nel cuore della tifoseria orceana, ad Orzinuovi saranno sempre benvenuti e applauditi ma il roster andava rinnovato per affrontare la nuova impegnativa categoria.

Non sono però mancate alcune riconferme a cominciare da quella d’obbligo di coach Salieri. Il tecnico emiliano, a cui la società aveva rinnovato la fiducia ancora prima del termine del campionato, è stato sicuramente l’artefice principale della clamorosa crescita del gruppo nella scorsa stagione e adesso è chiamato a ripetersi plasmando una squadra che possa centrare quell’impresa che si chiama salvezza.

Al suo fianco ci sarà come assistente Andrea Vicenzutto, allenatore giovane ma molto preparato e da 3 anni in A2. Ai suoi ordini ci saranno ancora 3 fedelissimi reduci dell’avventura in B: Giacomo Siberna, Lorenzo Galmarini e Lorenzo Varaschin chiamati a ripetere e migliorare le strabilianti prestazioni messe in mostra quest’anno. Primo volto nuovo quello del play Stefano Bossi, giocatore triestino esperto della categoria chiamato a diventare il leader in campo della nuova squadra. A completare con Varaschin il trio di under obbligatori ci sono due volti nuovi: Massimiliano Ferraro e Matteo Galassi.

Ferraro è un ala classe 1998 anche lui triestino reduce da un ottimo campionato di B a Cesena dove tra l’altro è stato grande avversario dell’Agri-bertocchi nella finale playoff.

Galassi è invece una guardia classe 1998, bolognese di nascita anche lui nostro avversario la scorsa stagione prima con la maglia dell’Orva Lugo poi con quella di Ozzano.

Per loro stravede coach Salieri da sempre scopritore ed istruttore perfetto per giovani emergenti.

Grandi colpi di mercato a seguire per il sempre più agguerrito d.s. Ale Muzio prima Matteo Negri, uno dei migliori esterni italiani in A 2 degli ultimi anni poi Salvatore Parrillo.

Negri, bolognese classe 1991 cresciuto nel vivaio Virtus dove ha vinto il titolo nazionale under 17 e 19, è un giocatore di cm 194 dotato di buon atletismo che gli permette di destreggiarsi sia nel ruolo di guardia che in quello di ala con esperienze in piazze importanti come Trento, Treviso e Montegranaro. Parrillo invece è il classico “all around” giocatore cioè in grado di giostrare in sia da play, guardia o ala piccola indifferentemente. Classe 92, beneventano di nascita Parrilo è cresciuto nel vivaio della Juve Caserta, ha giocato poi a Ferentino e Napoli prima di salire in serie A con Reggio Emilia e quindi a Cantù di cui nell’ultima stagione è diventato capitano. Completato il nucleo italiano la dirigenza orceana è partita alla ricerca dei 2 stranieri per completare il roster.

La prima scelta è caduta su Christian Mekowulu, centro classe ’95 di 205 cm per 110 chili, nativo di Lagos in Nigeria ma cestisticamente cresciuto negli Stati Uniti dove ha indossato le prestigiose canotte della Tennessee State University e Texas A&M.

La seconda è caduta su C.J Burks una guardia statunitense uscito da Marshall University , classe 95 di cm 195 giocatore dotato di personalità e tiro micidiale, un ultimo importante tassello che si aggiunge al roster di coach Salieri per la gioia dei tifosi che si preparano ad invadere il PalGeorge di Montichiari nell’attesa e nella speranza che il tanto sospirato PalaBertocchi diventi realtà ad Orzinuovi.

Mario Iacomelli

Foto by Giovanni Zanotti