Tempo di lettura: 1 minuto

Assai proficue sono state le tre Assemblee d’Istituto a marzo.

Mercoledì 20 abbiamo organizzato il convegno su “Educazione alla Legalità, Sicurezza e Giustizia Sociale”, con la partecipazione del criminologo Sante Lamonaca (giudice onorario del Tribunale di Sorveglianza di Salerno), dello scrittore don Aniello Manganiello, attivo a Scampia, di Marco Pirone (coadiutore della squadra di calcio Don Guanella nel problematico quartiere napoletano) e del regista Luca Moltisanti. Nel corso della mattinata cè stataanche la proiezione del cortometraggio “In game” realizzato dai nostri compagni con la regia di Moltisanti.

Giovedì 21 invece è venuta a trovarci una ex alunna, Giulia Macario, che ora è ricercatrice all’Arab Institute for Security Studies di Amman. Ha tenuto una illuminante lezione sul tema “Islamofobia e integrazione”, ravvivando i valori della tolleranza e del dialogo interculturale.

Sabato 30 infine si è tenuto l’incontro di testimonianza “In viaggio per guarire”, con la partecipazione di giovani pazienti dei reparti oncoematologici degli Spedali Civili, coordinato dalla prof.ssa Anna Berenzi e realizzato in collaborazione con l’Associazione Italiana Leucemie di Brescia. Il gruppo di ragazzi, uniti dall’aver vissuto un’esperienza di malattia che ha messo a rischio la loro vita, ci ha raccontato cosa ha significato trovarsi dall’oggi al domani a pensare che la vita non è scontata, facendoci sperimentare un grande laboratorio di empatia e promuovendo la cultura della solidarietà sensibilizzando anche al tema delle donazioni di sangue e di midollo. Ascoltare non solo con le orecchie, ma anche con gli occhi e con il cuore, la storia di un giovane paziente oncologico, ci ha offerto l’opportunità di confrontarci con la paura, la rabbia, l’angoscia, la solitudine, senza la possibilità di girare lo sguardo.